Tecnologia prodotti industriali

Tecnologia prodotti industriali

Cos’è la tecnologia dei prodotti industriali?

Con il passare degli anni le aziende sono andate man mano evolvendosi, acquistando dei macchinari sempre più tecnologici così da poter produrre oggetti più complessi nel minor tempo possibile. Sul mercato sono presenti molte aziende leader nel settore che oltre alla realizzazione delle macchine per prodotti industriali, realizzano anche componentistica come ad esempio tecnopolimeri ad alta resistenza e così via. In questo articolo andiamo a vedere insieme come la tecnologia abbia influito nella produzione di prodotti di tipo industriale e quali sono.

La tecnologia nella produzione di oggettistica industriale.

Negli ultimi anni la tecnologia ha fatto passi da gigante e ha concesso ad un numero crescente di aziende di poter produrre oggetti che prima era difficile ricreare. Ciò è possibile grazie alle diverse macchine a controllo numerico e alle varie procedure che si possono realizzare, come ad esempio la pressofusione o la tornitura dei vari materiali. Ovviamente con l’avvento della tecnologia all’interno delle industrie c’è stata anche una maggiore richiesta di personale altamente qualificato che fosse in grado di programmare tali macchinari così da ottenere il miglior risultato possibile senza però avere dei costi di produzione elevati.

In quali settori la tecnologia dei prodotti industriali ha avuto un maggiore incremento?

I settori che hanno riscontrato un aumento del lavoro con l’avvento della tecnologia sono davvero tantissimi, basta pensare alle industrie di tipo meccanico o quelle specializzate nella realizzazione di oggetti in plastica e polimeri vari. La richiesta di questi prodotti è aumentata drasticamente negli ultimi anni e assieme a essa, anche la produzione mediante l’ausilio di macchinari sempre più all’avanguardia. Questo tipo di macchinari consente di produrre grandi numeri di oggetti  nella metà del tempo che solitamente era richiesta in precedenza, aumentando le vendite e di conseguenza permettendo alle attività di crescere sempre di più.

Taglio industriale di precisione

Taglio industriale di precisione

Che cos’è il taglio industriale di precisione?

Il taglio industriale di precisione è il taglio dei diversi materiali come vetro, acciaio e materiali plastici industriali. Questo tipo di taglio può essere realizzato tramite l’ausilio di macchinari industriali come ad esempio le tagliatrici a laser, ad acqua oppure quelle meccaniche. Ovviamente a seconda del materiale da tagliare si utilizzerà uno strumento differente. Il taglio del vetro ad esempio, viene realizzato con l’ausilio di una tagliatrice ad acqua che spruzza sulla superficie un getto d’acqua ad altissima pressione con al suo interno delle piccole particelle di sabbia che tagliano il vetro in modo facile e pulito.

In quali casi è richiesto il taglio industriale di precisione?

Il taglio industriale di precisione viene richiesto per la produzione di oggetti con dimensioni importanti che non possono essere tagliati autonomamente. Questa particolare lavorazione viene adoperata per il taglio di grosse lastre di vetro o per il taglio di pannelli in acciaio e altri metalli con spessori importanti. Per il taglio dell’acciaio solitamente viene utilizzato il taglio al laser o all’acqua a seconda dello spessore del materiale da tagliare. Infatti se si tratta di una superficie con uno spessore di qualche centimetro sarà utilizzato il taglio ad acqua che ha una potenza di penetrazione maggiore rispetto a quella del laser.

In quali ambiti vengono utilizzati gli oggetti realizzati con il taglio industriale di precisione’?

I materiali ottenuti dal taglio di tipo industriale vengono usati in tanti settori diversi, dall’edilizia fino alle grandi industrie. Ovviamente ciò è possibile grazie ai vari materiali che si possono tagliare con questi macchinari e alla loro applicazione nei diversi settori. Insomma, il taglio industriale di precisione permette di tagliare materiali robusti come se fossero fatti di burro in modo pratico e veloce, con un costo finale davvero basso.

Taglio ad acqua e incollaggio

Prodotti in plastica- taglio ad acqua e incollaggio

Cos’è il taglio ad acqua e l’incollaggio?

Il taglio ad acqua è una tecnica che viene utilizzata per effettuare dei tagli precisi su diverse superfici come vetro, plastica e acciaio. Per quanto riguarda invece l’incollaggio e la pratica che viene effettuata per saldare i pezzi tagliati in modo saldo e duraturo nel tempo. Con il taglio ad acqua solitamente vengono tagliati grandi pannelli di policarbonato o di altri materiali che successivamente vengono incollati tra loro mediante l’ausilio di materiali chimici professionali che saldano i diversi pezzi creandone uno solo.

Come avviene il taglio ad acqua?

Il taglio ad acqua viene realizzato mediante l’ausilio di un macchinario che tramite un ugello, spara un getto di acqua a pressioni elevatissime che a contatto con il materiale da tagliare creano un taglio preciso in pochissimi secondi.  Il getto d’acqua però non basta da solo per tagliare il materiale sottostante e quindi viene inserito all’interno dell’acqua un mix di granelli di sabbia fine che creano un maggiore attrito, facilitando il taglio stesso. Grazie a questo tipo di lavorazione si ha la possibilità di ottenere pezzi finiti che non richiederanno ulteriori fasi di rifinitura. Ovviamente il taglio ad acqua può essere realizzato anche su acciaio e tecnopolimeri.

In quali settori vengono utilizzati il taglio ad acqua e l’incollaggio?

Il taglio ad acqua viene utilizzato per tagliare una vasta gamma di materiali che a loro volta vengono adoperati in molti settori differenti, dal fai da te fino ad arrivare alle industrie di tipo alimentare e petrolifere. Insomma, il taglio ad acqua consente di ottenere pezzi di plastica o di qualsiasi altro materiale realizzati su misura con spessori che possono variare da pochi millimetri fino ad arrivare a pezzi con spessori notevoli che in alcuni casi possono superare tranquillamente anche i 15 cm.

Profili estrusi in gomma e poliuretano

Profili estrusi in gomma e poliuretano

Cosa sono i profili estrusi in gomma e poliuretano?

I profili estrusi in gomma e poliuretano vengono realizzati tramite un macchinario che adoperando il materiale plastico crea i profili. Con questo tipo di lavorazione è possibile realizzare una vasta gamma di profili in gomma e poliuretano. Quest’ultimi vengono utilizzati in molti settori differenti, ma andiamo a vedere nello specifico come vengono realizzati e in quali campi sono maggiormente adoperati.

Come nascono i profili estrusi in gomma o poliuretano?

La realizzazione dei profili estrusi che siano in gomma o in poliuretano, inizia con la scelta delle materie prime da utilizzare. La scelta di tali materie viene eseguita tenendo conto delle richieste del cliente e dell’utilizzo che si andrà a fare dei profili stessi. A questo punto, si procede con la fusione delle materie prime e dell’estrusione mediante pressofusione. Al termine di questo processo si ottiene il profilo completo in tutte le sue parti. Infine, si procede con l’eliminazione di eventuali imperfezioni ed eccessi di plastica dalle superfici.

In quali settori vengono adoperati i profili estrusi in gomma o poliuretano?

L’impiego dei profili estrusi è davvero vasto, vengono adoperati all’interno delle grandi aziende, delle industrie meccaniche e nelle fabbriche produttrici di veicoli. In quest’ultimo settore trovano impiego sia come guarnizioni, sia come profili per il bloccaggio del finestrino. Ovviamente questi sono solo alcuni dei tanti settori in cui i profili estrusi in gomma e poliuretano trovano impiego. È possibile adoperarli anche nelle industrie alimentari e nelle ditte edili, per la costruzione di abitazioni e stabili di vario genere. Inoltre, i profili in gomma è poliuretano resistono alle intemperie e alle alte temperature, quindi permettono una miriade di installazioni differenti senza alcun tipo di problema, con un costo di realizzazione davvero molto basso rispetto a quello dei profili in acciaio o altre leghe metalliche.

Prodotti plastici Veneto

Prodotti plastici

Cosa sono i prodotti plastici?

I prodotti plastici sono tutti quegli oggetti realizzati mediante la fusione di plastica o polimeri di vario tipo. La produzione di prodotti plastici in Veneto è molto ricca, e conta diverse aziende specializzate nel settore. Ovviamente la produzione dei prodotti plastici varia moltissimo in base alle richieste del consumatore o alle specifiche richieste dal cliente. In questo articolo andremo a vedere da vicino come prendono vita i prodotti plastici e in quali settori vengono maggiormente adoperati.

Come nascono i prodotti plastici?

La realizzazione dei prodotti plastici varia molto in base al tipo di prodotto da realizzare e al materiale di cui è composto. Solitamente i prodotti realizzati in plastica vengono ottenuti mediante un processo di pressofusione o stampaggio della plastica tramite estrusione. Con queste tecniche è possibile realizzare molti prodotti differenti con un costo di realizzazione basso. I prodotti plastici oltre ad essere facili da realizzare possiedono molte caratteristiche a loro favore, come una maggiore resistenza nel tempo e un peso estremamente ridotto rispetto ad altri prodotti realizzati con l’ausilio di materiali differenti come ad esempio acciaio o altre leghe metalliche.

In quali ambiti e settori vengono utilizzati i prodotti plastici realizzati in Veneto?

I prodotti plastici trovano un vasto impiego, sia nelle aziende edili, sia nelle industrie di vario tipo in tutto il mondo. Ciò è dovuto principalmente alla possibilità di realizzare svariati prodotti differenti con un costo notevolmente ridotto. Nel campo edile solitamente vengono prodotti oggetti plastici per la costruzione di impianti idrici e elettrici, mentre nel campo delle industrie vengono adoperati per il corretto funzionamento dei diversi macchinario o per la realizzazione di un prodotto finale completo in tutte le sue parti. Insomma i prodotti plastici sono davvero utili e consentono a chi li utilizza di risparmiare notevolmente.

Prodotti Mediatec

Tubi-Prodotti Mediatecsrl

Quali sono i prodotti Mediatec?

I prodotti realizzati dalla Mediatec sono davvero tanti, e variano a seconda dell’utilizzo degli stessi, dalle grandi industrie fino ad arrivare ai prodotti per uso alimentare o per le industrie petrolifere.  Tutti i prodotti di Mediatec sono realizzati con materie prime di altissima qualità così da assicurare il compratore di acquistare solo ed esclusivamente materiali di prima scelta che dureranno a lungo nel tempo senza alcun tipo di problema. Andiamo a vedere insieme come vengono realizzati i prodotti.

Come vengono realizzati i prodotti Mediatec?

Tutti i prodotti di questa azienda vengono realizzati adoperando le materie prime di altissima qualità. Queste una volta selezionate vengono utilizzate per la produzione di una vasta gamma di oggetti, dai tubi in PVC per uso alimentare fino ad arrivare ai tubi per uso petrolifero o per agenti corrosivi. Ovviamente tutti i prodotti vengono realizzati all’interno di Mediatec così da essere certi dello standard qualitativo. È possibile richiedere la realizzazione di vari componenti su misura, come ad esempio tecnopolimeri da inserire all’interno di macchinari. L’azienda produce anche oggetti ignifughi come lastre e gomme da utilizzare nei più svariati settori.

Quali sono le lavorazioni offerte da Mediatec?

Mediatec dispone di molti macchinari differenti. All’interno dello stabilimento sono presenti macchinari per la fustellatura della gomma, per la tornitura e per la pressofusione che consentono di ottenere un numero infinito di prodotti differenti. Ovviamente a seconda del tipo di lavorazione e del macchinario richiesto il costo dei prodotti varia sensibilmente. È possibile richiedere un singolo pezzo oppure una serie completa a seconda delle proprie necessità e della disponibilità economica che si possiede. Insomma, Mediatec è l’azienda che fa esattamente al caso tuo se sei alla ricerca di componenti in tecnopolimeri, o se sei alla ricerca di oggetti realizzati con materiali plastici di vario tipo.

Policarbonato sostituto del vetro

Policarbonato sostituto del vetro

Policarbonato sostituto del vetro: scopriamolo insieme.

Il policarbonato è un materiale di tipo plastico che viene spesso utilizzato come sostituto del vetro. Ciò è dovuto alla sua leggerezza e al fatto che a differenza del vetro è molto più resistente agli urti e alle diverse sollecitazioni. Il policarbonato può essere di vari spessori e di varie dimensioni, così da adattarsi alla perfezione a qualsiasi tipo di utilizzo. In questo breve articolo andremo a vedere insieme come nasce e quali sono i suoi principali utilizzi nei diversi settori.

Come viene prodotto il policarbonato?

La realizzazione del policarbonato avviene innanzitutto con la fusione dello stesso e successivamente, tramite un processo di pressofusione, vengono realizzati dei pannelli. Ovviamente tali pannelli possono avere dimensioni e spessori personalizzati a seconda delle richieste del cliente o dell’utilizzo finale del prodotto stesso. Maggiore sarà lo spessore del policarbonato e maggiore sarà la sua resistenza all’usura e al deterioramento nel caso venga utilizzato all’esterno, a contatto con gli agenti atmosferici. Il policarbonato può essere realizzato in varie forme, che sia curvo o tondo. Ciò è possibile grazie all’ausilio di grandi stampi in acciaio che consentono la solidificazione del policarbonato nella forma prestabilita.

In quali settori viene adoperato il policarbonato?

Il policarbonato trova impiego in svariati settori, dall’edilizia fino ad arrivare alle industrie meccaniche. Spesso lo si trova anche all’interno delle aziende agricole nelle quali viene adoperato per il rivestimento delle serre in cui crescono ortaggi e verdure. Inoltre, trova impiego anche nella realizzazione di coperture per gazebo e come rivestimento per le facciate delle attività o degli edifici. Insomma, il policarbonato è un materiale che è un ottimo sostituto del vetro, che permette a chi lo utilizza di avere un costo di realizzazione minore e una durata nel tempo maggiore rispetto al vetro che è più fragile.

Pantografatura

Pantografatura

Cos’è la pantografatura e a cosa serve?

Questa particolare tecnica viene eseguita mediante l’ausilio di un pantografo che permette di realizzare componenti in materiali plastici di altissima qualità. Con questo tipo di lavorazione è possibile costruire sia componenti per apparecchi industriali, sia piccoli supporti in pvc o tecnopolimeri di vario genere. Il pantografo grazie alla elevata rotazione riesce a effettuare dei tagli netti e puliti su molti tipi di materiali plastici, ottenendo dei risultati davvero straordinari.

Su quali materiali plastici è possibili utilizzare la pantografatura?

La pantografatura può essere utilizzata per la lavorazione di una vasta gamma di materiali plastici così da ottenere un prodotto finale di altissima qualità. La pantografatura può essere utilizzata per la realizzazione di un singolo pezzo o di una serie completa a seconda delle richieste del cliente. Ovviamente questo macchinario riesce a produrre una serie con uno scarto di appena mezzo centesimo di millimetro quindi consente di ottenere dei pezzi praticamente identici per una produzione in serie.

In quali ambiti vengono utilizzati i materiali plastici pantografati?

I prodotti realizzati mediante questo straordinario macchinario trovano impiego in molti settori differenti, dalle grandi industrie meccaniche fino ad arrivare a quelle alimentari e petrolifere. Ciò è dovuto alla possibilità di realizzare qualsiasi oggetto si voglia con un costo di realizzazione tra i più bassi sul mercato per singolo pezzo. Ovviamente maggiore sarà il numero di pezzi da realizzare e maggiore sarà il costo del lotto finale. La pantografatura della plastica e dei diversi tecnopolimeri permette di costruire componenti per macchinari di piccole e grandi dimensioni, supporti in plastica dura e tanto altro ancora con dei costi notevolmente ridotti rispetto a quelli che si avrebbero utilizzando la fusione o altre tecniche di lavorazione. Insomma, utilizzando la pantografatura si possono ottenere prodotti unici nel loro genere per ogni tipo di impiego.

Nastri per trasporto in PTFE

Nastri per trasporto in PTFE

Cosa sono i nastri per trasporto in PTFE?

I nastri per trasporto in PTFE sono dei nastri realizzati con un tessuto ricoperto da un poliuretano liquido che lo rende estremamente resistente all’usura e all’attrito. Sul mercato è possibile trovare moltissimi nastri ricoperti con questo materiale che trovano impiego nei più svariati settori, da quello alimentare fino ad arrivare alle industrie di tipo meccanico ecc. In questo articolo andremo ad analizzare insieme la produzione di tali nastri e in quali settori vengono maggiormente adoperati.

Come nascono i nastri per trasporto in PTFE?

La realizzazione di tali nastri avviene innanzitutto con la scelta del tessuto da rivestire di poliuretano liquido. Solitamente vengono selezionati dei tessuti in vetro o in kevlar a seconda delle richieste del cliente. A questo punto si procede con la stratificazione del poliuretano su tutta la superficie. Ovviamente lo spessore del PTFE varia a seconda dell’utilizzo che si andrà a fare del nastro e dalle richieste del consumatore. L’intero processo richiede l’ausilio di macchine di tipo industriali che consentono di realizzare un prodotto finale perfetto in tutte le sue parti.

In quali ambiti vengono utilizzati i nastri per trasporto in PTFE?

Come detto prima questo tipo di nastri trova impiego in tanti settori differenti, dalle piccole aziende fino ad arrivare alle grandi industrie meccaniche e alimentari. Ciò è dovuto alle caratteristiche di cui i nastri per trasporto rivestiti in PTFE hanno. Infatti, questi nastri hanno una maggiore resistenza sia alle alte che alle basse temperature e dispongono di una resistenza all’usura davvero notevole. Ciò permette di utilizzarli in modo intensivo senza correre il rischio di eventuali rotture o crepe all’interno del nastro stesso. Hanno un costo di manutenzione sia ordinaria che straordinaria basso rispetto a quello che si avrebbe con dei nastri realizzati in metallo.

Materiali plastici PE-PTFE-PVC

Materiali plastici PE-PTFE-PVC

Cosa sono i materiali plastici PE-PTFE-PVC?

I prodotti termoplastici denominati PE/PTFE/PVC sono materiali realizzati e selezionati con la massima cura ed esperienza per realizzare prodotti unici nel loro genere. Infatti, è molto importante conoscere le loro caratteristiche così da fare la scelta giusta in ciascun campo di applicazione.  Selezionati attentamente i materiali da adoperare è possibile realizzare una vasta gamma di prodotti diversi, dai tubi per uso alimentare fino ad arrivare a quelli per le grandi industrie meccaniche e petrolifere. Insomma, con questi semplici materiali plastici è possibile creare tantissimi oggetti differenti.

Come vengono realizzati gli oggetti con il PE, il PTFE e il PVC?

La realizzazione dei vari prodotti varia a seconda del materiale con il quale si decide di realizzarli. Infatti, se si decide di costruire un tubo in PVC bisognerà adoperare il processo di pressofusione del PVC così da ottenere un prodotto finito di altissima qualità che non richiede altre lavorazioni. Cosa diversa se si vuole realizzare un oggetto in PE, in questo caso bisognerà optare per la fustellatura. Insomma, a seconda del materiale plastico che si decide di utilizzare, bisognerà scegliere un tipo di lavorazione differente.

In quali campi vengono utilizzati i prodotti realizzati con questi materiali?

I campi di applicazione di tali materiali sono infiniti. Si inizia dalle industrie di tipo meccanico fino ad arrivare alle industrie alimentari e alle fabbriche di vario tipo. Ciò è possibile grazie alla moltitudine di prodotti che si possono realizzare con un costo di lavorazione tra i più bassi sul mercato. È possibile utilizzare i prodotti ottenuti dalla fusione di tali materiali anche presso le aziende edili per la realizzazione di condotti di scarico e di tubazioni per il passaggio dell’acqua e del gas all’interno dell’abitazione. Insomma, i prodotti realizzati con il PE, il PTFE e il PVC sono davvero tantissimi.

1 2 17